giovedì 14 ottobre 2010

LA CRESIMA DI MIO FIGLIO ALBERTO... E IL CAKE TOPPER


Il 26 settembre ha fatto la cresima mio figlio Alberto.
Eccolo qua con la zia che gli fa da madrina.

Ecco qua tutto il gruppo della cresima.

Con gli amici...
Con la sorella e il cuginetto...
Ma adesso ecco una delle sorprese. Il cake topper che ho fatto che dovrebbe in teoria essere lui.

Eccolo nella torta.
Con il suo zainetto della Napapiri
Ma che cosa ha in mano questo pupetto...

E' il momento degli auguri da parte mia e di mio marito e per l'occasione rispolveriamo la storia della matita che hanno usato già degli amici nostri per la cresima del figlio e siccome ci è piaciuta molto l'abbiamo usata, anche perchè Albi non la conosceva:
Il bambino guardava la nonna scrivere una lettera.
Ad un certo punto, chiese: "Stai scrivendo una storia su di noi? E' per caso una storia su di me?".
La nonna smise di scrivere, sorrise e disse al nipote: "In effetti, sto scrivendo su di te. Tuttavia, più importante delle parole, è la matita che sto usando. Mi piacerebbe che tu fossi come lei, quando sarai grande."
Il bimbo osservò la matita, incuriosito e non vide niente di speciale.
"Ma è identica a tutte le matite che ho visto in vita mia!".
"Tutto dipende dal modo in cui guardi le cose. Ci sono 5 qualità in essa che, se tu riuscirai a mantenere, faranno sempre di te un uomo in pace con il mondo.
Prima qualità: tu puoi fare grandi cose, ma non devi mai dimenticare che esiste una mano che guida i tuoi passi: questa mano noi la chiamiamo Dio e Lui ti dovrà sempre indirizzare verso la Sua volontà.
Seconda qualità: di quando in quando io devo interrompere ciò che sto scrivendo ed usare il temperino. Questo fa sì che la matita soffra un poco, ma alla fine essa sarà più affilata. Pertanto, sappi sopportare un po' di dolore, perché ciò ti renderà una persona migliore.
Terza qualità: la matita ci permette sempre d'usare una gomma per cancellare gli sbagli. Capisci che correggere qualcosa che abbiamo fatto non è necessariamente un male, ma qualcosa di fondamentale per mantenerci sulla retta via.
Quarta qualità: ciò che è davvero importante nella matita non è il legno o la forma esteriore, ma la grafite che è all'interno. Dunque fai sempre attenzione a quello che succede dentro di te.
Infine la quinta qualità della matita: lascia sempre un segno. Ugualmente, sappi che tutto ciò che farai nella vita lascerà tracce e cerca d'essere conscio d'ogni singola azione.


E adesso è il momento di scartare i regali
Ed ecco qua quello che aveva in mano il pupetto
L' I-pad
Questo è il pupetto visto da vicino, le basi sono tutte in pasta di mais, ma ho pensato di mettergli i jeans e la camicia a righe come lui. Anche le nike erano più o meno come quelle che aveva ai piedi.

Nessun commento: